Codice per siti web / website code

Codice per siti web / website code

Codice per siti web / website code

07.03.2020
Inviato da / Send by:

codice codeEra il terzo anno delle superiori (Ragioneria Programmatori) quando mi imbattei per la prima volta nel codice per sviluppare le pagine web… E ne rimasi sin da subito affascinata! Mi piaceva studiarlo, vedere come a ogni singolo comando ci fosse un risultato diverso, intestardirmi per capire il problema quando non veniva come volevo, gioire quando, cambiando una virgola, nel vero senso della parola, ci riuscivo. Il codice è quello, non ammette errori e distrazioni, è quadrato e non scende a compromessi e tutto questo mi ha sempre catturato (forse perché, in parte, anch’io sono così). Da lì, è come se avessi deciso che non ne potevo più fare a meno ed è diventato il mio futuro: ne ho ampliato le mie conoscenze all’università e poi ho iniziato a “sfruttarlo” nel mio lavoro (realizzando siti web, appunto).

Sempre nel corso dell’università mi sono incontrata anche con l’ambito grafico, più creativo, libero, colorato, senza confini, tutti aspetti che rappresentano un’altra parte di me. E quindi, inevitabilmente, oggi mi occupo di realizzazioni grafiche di ogni tipo e di siti web!

 

Flauto / Flute

Flauto / Flute

Flauto / Flute

09.16.2019
Inviato da / Send by:

Flauto - Flute - FM

Possiedo questo flauto dolce da quasi 50 anni. Me lo acquistarono i miei genitori come corredo scolastico per la prima media. Insieme a righelli e squadre, la penna biro, la matita Faber-Castell, il compasso, la gomma. Insomma, tutto il necessario per l’inizio dell’anno scolastico. Nulla è rimasto, tranne lui.

E’ un flauto di poco prezzo, di materiale plastico. Non so nemmeno io come sia potuto sopravvivere ai molti traslochi e trasferimenti di una vita; laddove invece sono andate perdute cose cui davo molta importanza. A lui, invece, non ho mai prestato alcuna attenzione. Non ho cercato di proteggerlo, né di ricordarmi dove fosse. Semplicemente, c’è sempre stato. 

Crediamo di possedere oggetti. In realtà siamo noi che apparteniamo loro.