Barbie Luce di Stelle / Barbie Twinkle Lights

BarbieErano i primi anni ’80 e la Mattel sfornava esemplari sfavillanti come non mai della bionda beniamina/modello inarrivabile.
Il più abbagliante di tutti, letteralmente, era la Barbie Luce di Stelle.

Il suo abito, tutto trapuntato di stelline bianche, era magico e si illuminava al buio.
Aveva lo scollo a cuore, must di eleganza dell’epoca e sembrava una principessa al ballo, allora apprezzavamo il genere.
Volevo tantissimo quella Barbie, ma per un motivo o per l’altro nessuno me la comprava. Costava parecchio. Non era il mio compleanno. Non era Natale. Poi per Natale ne è arrivata un’altra ma non era lei, Babbo Natale si sarà confuso.
La mia disperazione non si placava.
Una mia amica ce l’aveva e neanche ci giocava, non le piacevano le Barbie. Guardavo con bramosia la scatola nella sua cameretta, rimasta incomprensibilmente chiusa (anni dopo, mi auguro abbia monetizzato con i collezionisti questa che classificavo come insanità mentale). La Barbie brillava anche dalla scatola.

A 15 anni, per Natale, Babbo Natale mi portò la nuova edizione di Barbie Luce di Stelle, con delle fibre a led che le spuntavano dal costato e si illuminavano cambiando colore.
Non sto neanche a dirvi che non c’era pargone.

Per anni ho sperato di trovarla in qualche mercatino, ma quelle poche che trovavo erano sempre ridotte malissimo.

E arrivò anche Ebay. E i miei migliori amici riuscirono a trovare un esemplare ben conservato e a rendere il mio 36°compleanno davvero felice.
E da quel momento vissi felice e contenta con la mia cosa.